Articolo aggiornato il

Come fare a trasferire WordPress da locale a remoto.

Hai sviluppato il tuo sito wordpress in locale sul tuo PC o Mac?
Hai acquistato il tuo hosting e sei pronto a pubblicare il tuo lavoro sul web, ma non hai idea di come farlo senza perdere dei pezzi per strada?
Non ti biasimo!

Un’installazione WordPress, come abbiamo visto nell’approfondimento dedicato a come installare wordpress da zero, è leggermente più complicata dal punto di vista strutturale rispetto a un semplice website in html vecchio stile.

Nel primo caso bastava copiare la cartella locale sul server web.
Diversamente la procedura per trasferire WordPress da locale a remoto è un pelino più complicata.
E’ necessario utilizzare anche un Database.
Bisognerà quindi affrontare con un po’ di pazienza e stando attenti ai vari passaggi.

In questa guida ti spiegherò come trasferire WordPress da locale a remoto in maniera del tutto manuale ed autonoma.

Non dovrai utilizzare plugin o strumenti di terze parti.
Questi semplificano di molto il lavoro, ma non ti danno il controllo completo della situazione in caso di errori e/o malfunzionamenti.
Con la procedura che vedremo oggi, avrai tutto sotto controllo dall’inizio alla fine, e se segui tutti i passaggi con precisione, non avrai problemi a trasferire il tuo sito WordPress da locale a remoto.

Prima di inziare

Prima di inziare, accertati di avere sotto mano tutto quello che ti serve:

  • Il tuo sito installato in locale su MAMP (Mac) o WAMP (Windows). Se hai realizzato il tuo sito in locale e stai cercando di pubblicarlo, dovresti avere tutto questo all’interno del tuo pc. Dovresti anche avere un accesso phpMyAdmin per gestire (e scaricare) il tuo DB in locale.
  • Un Hosting compatibile con WordPress (Hosting Linux + Database) sul quale trasferire il tuo sito, collegato a un dominio. Se non hai ancora provveduto, dai un’occhiata ai pacchetti di Siteground: il miglior Hosting WordPress in rapporto qualità / prezzo.
  • Un client FTP come Filezilla per copiare i tuoi files da locale a remoto.

Se hai tutto, possiamo iniziare.

Upload cartelle via FTP

Per prima cosa devi collegarti al tuo server remoto, allo spazio web del tuo hosting.
In questa guida non ti spiegherò nel dettaglio come installare e configurare Filezilla, se non sai come muoverti, leggi qui come fare e poi prosegui nell’articolo.

Una volta collegato Filezilla al tuo spazio web, utilizza la parte sinistra del programma per navigare all’interno delle cartelle del tuo computer.
Raggiungi la root del tuo server locale, dove si troverà la cartella contenente tutti i files del tuo sito WordPress.
Sulla destra, invece, seleziona la cartella all’interno della quale vuoi caricare il tuo sito.

  • Se vuoi che sia disponibile sul tuo dominio principale, dovrai spostarti all’interno della root del tuo hosting (di solito la cartella rootsi chiama public_html),
  • se invece vuoi che il tuo nuovo sito venga visualizzato in una sottocartella (www.miodominio.it/miosito), o su un sotto-dominio (miosito.miodominio.it), dovrai spostarti all’interno della relativa sottocartella della root (ad esempio: public_html/miosito).

Sei pronto, seleziona tutte le cartelle all’interno della tua directory locale e copiale su quella online.

Esportazione del Database

Il sito ora è caricato sul tuo spazio web, ma ancora non sarà funzionante, manca la parte fondamentale di qualsiasi installazione WordPress: il Database!
Per trasferire WordPress da locale a remoto dovremo migrare anche il Database.
Questa operazione va fatta con estrema attenzione perchè all’interno del database sono scritte tutte le informazioni e le regole che permettono al tuo sito di funzionare correttamente.
All’interno del Database è anche memorizzato l’url del sito e il percorso dei file, se non aggiorniamo queste informazioni, il sito online non ha speranze di funzionare correttamente.
Per prima cosa, dobbiamo esportare file contenente il database, tramite MAMP/Xamp, collegati alla tua interfaccia phpMyAdmin locale.
Seleziona il database del tuo sito, e una volta raggiunta la schermata con l’elenco di tutte le tabelle del tuo DB, clicca sulla scheda Export, in alto.
Nella pagina che segue, seleziona:

Export method:Custom

Format: SQL

Tables: select all (facciamo in modo che vengano selezionate tutte le tabelle del database)

Output:Save output to a file > Compression: zipped

Esportazione del Database

Esportazione del Database: uno dei passaggi fondamentali per trasferire il sito da locale a remoto

Il resto delle impostazioni solitamente sono già correttamente configurate di default.

Premi GO e salva il file sql contenente il tuo Database.

Creazione del Database

A questo punto, devi creare un nuovo database online.

Collegati al cPanel del tuo server e recati nella sezione MySQL Database, qui troverai una sezione chiamata ‘Create new database’.
Scegli un nome per il tuo nuovo database e procedi nella creazione, dovrai anche assegnare ad esso un utente con tutti i permessi.
Puoi creare un nuovo utente o sceglierne uno esistente, l’importante è che ti ricordi di annotare tutti i dati di accesso del tuo database, ci serviranno tra poco.
Che tu abbia creato un nuovo utente o ne abbia selezionato uno esistente, nella schermata successiva ti verrà chiesto di selezionare i permessi da assegnarvi relativamente al database, selezionali tutti.
I pannelli di controllo dei diversi Hosting possono differire a seconda del servizio, se hai difficoltà ad orientarti puoi contattare l’assistenza del tuo Hosting.
Ora torniamo alla homepage del cPanel per proseguire la configurazione.

Upload del Database con PHPMyAdmin

Apriamo ora phpMyAdmin online, troveremo nell’elenco dei database quello appena creato. Selezionalo.
Il database al momento è ancora vuoto, provvediamo a riempirlo con le nostre tabelle.
Nella barra in alto, sleziona la scheda Importa.
Ti apparirà una schermata con una maschera di upload, seleziona il file sql che hai esportato dal tuo server locale ed effettua l’upload senza modificare nessuna impostazione.
Attendi qualche istante, la durata dell’upload può variare a seconda delle dimensioni del tuo database.
Una volta fatto, tornando indietro, troverai il tuo database popolato con tutte le tabelle del tuo sito WordPress.

Correzione del Database

Non abbiamo ancora finito.
Il database contiene tutte le informazioni e le regole che servono all’installazione di WordPress per funzionare, compreso l’indirizzo del sito e il percorso della root.
Dovrai andare a correggere queste informazioni perché il nostro database conterrà ancora quelle relative al nostro server locale.
Sempre utilizzando phpMyAdmin, cerca una tabella chiamata wp_options e aprila.
Ora, nella colonna option_namecerca le voci siteurl e home, vedrai che in corridpondenza di queste voci, nella colonna option_value sarà presente il percorso del tuo sito locale (probabilmente ci sarà scritto localhost)

correzione del database

correzione del database

Dobbiamo andare a sostituire questi valori con quelli del nuovo sito online. Per fare questo, copia dalla barra degli indirizzi del tuo browser il link del tuo dominio, comprensivo di http / https.
Nella riga dei valori da modificare clicca su Modifica e vai a sostituire il valore della colonna option_value con quello appena copiato.

correzione del database

Correzione del database: tutti i passaggi per farlo al meglio

Assicurati di aver modificato entrambe le righe. Fatto questo, puoi chiudere il pannello di controllo.

Modifica del file wp-config.php

A questo punto, manca l’ultimo passaggio!
Hai caricato sul server sia i files che il database che compongono il tuo sito.
L’ultima cosa da fare per rendere effettivo il trasferimento del tuo sito WordPress da locale a remoto è collegarli tra di loro per far si che possano comunicare per riprodurre il tuo sito a chi naviga.
Per fare questo bisogna aggiornare il file wp-config.php, che si trova all’interno della root del tuo sito, apri per l’ultima volta Filezilla ed individua il file sul tuo server, fai clic destro e selezione Visualizza/Modifica.

Modifica del file wp-config.php

Modifica del file wp-config.php

Aprendo il file con un editor di testo scorri fino a quando non trovi la riga:

// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //

Qui sotto trovi le stringhe che contengono le credenziali di accesso ad Database, conterrà ancora le credenziali del tuo Database locale.

Aggiorna i dati inserendo quelli del Database creato poco fa.


// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
/** The name of the database for WordPress */
define('DB_NAME', 'xxxxxxxxx');

/** MySQL database username */
define('DB_USER', 'xxxxxxxxx');

/** MySQL database password */
define('DB_PASSWORD', 'xxxxxxxxx');

/** MySQL hostname */
define('DB_HOST', 'localhost');

Per la variabile DB_HOST, puoi lasciare come valore localhost e salvo particolari configuazioni del tuo server dovrebbe funzionare, altrimenti inserisci il tuo hostname o l’indirizzo IP del tuo database.

Salva e aggiorna il file tramite Filezilla.

Ora, accedendo al tuo dominio dovresti vedere il tuo nuovo sito online e funzionante!

Ultimi accorgimenti:

  • Accedi al pannello di controllo del tuo WordPress, vai in Impostazioni > Permalink e, senza modificare nulla, clicca Salva.
  • Vai in Impostazioni > Generail e controlla che i campi Indirizzo WordPress (URL) e Inidirizzo sito (URL) contengano i valori corretti.
Salva e aggiorna il file tramite Filezilla

Salva e aggiorna il file tramite Filezilla

Abbiamo concluso la procedura per trasferire WordPress da locale a remoto in maniera del tutto manuale!
Conoscendo gli strumenti la procedura diventa sempre più semplice e automatica.
Nei prossimi articoli ti svelerò anche qualche plugin che può esserti utile per velocizzare questa procedura.
E’ importante che tu conosca questa procedura perchè ti aiuta a capire il funzionamento base del core di WordPress.
Sei riuscito a trasferire correttamente il tuo sito o hai incontrato qualche problema?

Hai qualche domanda?

Ti ricordo che puoi sempre contattarmi per fare una semplice domanda o per richiedere assistenza!